CERCA ESPERIENZE

Search


Sarzana

Sarzana è una piccola città a circa 13 km dalla Spezia, un luogo con una lunga storia, una vivace centro culturale, con ottimi ristoranti e locali, vale sicuramente una vista se soggiorni alla Spezia.

Permanent Exhibitions

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

David Carson

Sopia Schwimmer

Damian Barkley

Sarzana può essere facilmente raggiunta con il treno o in autobus dal centro della Spezia, se hai una macchina puoi arrivarci in breve tempo e passare la notte lì. Può essere una buona idea alloggiare a Sarzana e basarsi qui per visitare i dintorni, anche per raggiungere la vicina Val di Magra e toccare la Toscana.

Sarzana, infatti, è molto vicino alla Toscana ed è un punto di divisione tra le regioni amministrative della Liguria e della Toscana. Se hai la possibilità di guardare Sarzana dall’alto e confrontarlo con la Riviera, puoi vedere chiaramente diverse sponde e paesaggi, uno sabbioso, lineare e piatto, l’altro frastagliato, alto e roccioso. Il confine ufficiale è anche geofisico ed è uno degli aspetti che rendono questa regione così ricca e varia. La vista delle bianche Alpi Apuane in lontananza, sede del marmo di Carrara, è una cornice unica per l’intero paesaggio.

#Doin Sarzana

Il confine naturale e politico ha da sempre segnato la storia della città, teatro di molte battaglie per il dominio di questo importante centro, crocevia di molte vie commerciali e di pellegrinaggio, come l’Aurelia romana e la Via Francigena. La nascita e lo sviluppo di Sarzana sono probabilmente legati al declino del porto romano di Luni, che intorno all’anno 1000 fu rapidamente spopolato in seguito alle mutate condizioni geografiche e la formazione di stagni e paludi, portatori di malaria. Per questi motivi la gente di Luni si trasferì sui colli e nel nuovo insediamento di Sarzanae, che in breve tempo si espanse in una popolosa e vivace città. Nel 1204 la Sede Vescovile venne trasferita definitivamente da Luni a Sarzana, alla quale i Vescovi garantirono, con il loro potere temporale, una certa indipendenza, prima che la città venisse sottomessa al dominio dei vari signori vicini e invasori. Castruccio Castracani, signore di Lucca, dominò la città dal 1314 al 1328; dopo alterne vicende che videro i Pisani, i Visconti, i Genovesi ed i Fiorentini contendersi il dominio di Sarzana. Questi ultimi, nel 1487, guidati da Lorenzo il Magnifico, ebbero la meglio sui Genovesi. Successivamente Sarzana tornò sotto il dominio della “Superba” Repubblica di Genova, e vi rimase per due secoli. Questo è il motivo per cui Sarzana è parte della Liguria, con l’annessione della regione al Regno di Sardegna, nonostante la sua tradizione e architettura differisca visibilmente da quella delle altre città liguri. Il cibo di Sarzana, ad esempio, è una prova della natura borderline della città: con influenze parmensi (da Sarzana si diparte la via della Cisa che passa da Parma e arriva a Verona), toscane e liguri. Panigacci, Testaroli, i diversi tipi di focacce sono forse il segno più forte di una diversa ligurità. Da ricordare, nella storia di Sarzana, la data del 21 luglio 1921, che vide la città insorgere contro la violenza fascista; piegata ma non vinta, Sarzana rinnovò fieramente l’impegno antifascista nella lotta di liberazione.

This post is also available in: enEnglish

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies).
Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy