Oltre i confini del Regno: il Sentiero da Levanto a Framura

Il sentiero da Levanto a Framura parte da qui e conduce in uno dei percorsi più belli appena fuori dalle Cinque Terre ma con tutte le caratteristiche più belle della zona.

Incamminandosi verso ovest si trova il tunnel che un tempo era della ferrovia e dal 2015 è stato restaurato per renderlo In estate, passeggiare dentro all’ex tunnel della ferrovia che unisce Levanto e Bonassola e poi Framura  è davvero rigenerante perché è sempre fresco, in autunno, anche nelle belle giornate, sarà necessario coprirsi un po’. Il percorso di 2,6 km verso Bonassola è inframezzato da scorci sul mare, e in alcuni casi è anche possibile raggiungere il mare per buttarsi in acqua. Se alla passeggiata fino a Framura si preferisce percorrere il tunnel per godersi le cittadine che attraversa, si può affittare una bicicletta a Levanto e ritornarvi più tardi per restituirla. Arrivati a Bonassola, ci si può riposare sulla sua bellissima spiaggia, una delle più amate dai locali in estate. Guardando il litorale di Bonassola dall’alto, si può comprendere la probabile origine del suo nome, che deriva dal latino Bonatia, bonaccia, con riferimento alla facilità di approdo per le imbarcazioni sull’arenile, probabilmente rispetto ad altri punti, più angusti e rocciosi.
Il tunnel tra Framura e Levanto
Il tunnel che fu protagonista durante la seconda Guerra Mondiale di due missioni americane è oggi una bella pista ciclopedonale tra Bonassola e Framura
La bella di Bonassola, deserta in inverno
Dopo il Salto della Lepre, il percorso si addentra nel bosco in un tratto piuttosto selvaggio e disabitato, particolarmente pacifico e tranquillo, che a volte si apre ancora sulla costa per offrire panorami unici, fino a che si scende finalmente a Framura, preannunciata dalla spiaggetta del porticciolo su cui domina una piccola statua della Madonna.
La vista dal punto panoramico del Salto della Lepre

3. Via del Prione, il Carugio Drito

All’estremità della baia si trova la piccola cappella della Madonna della Punta, considerata da molti il simbolo di Bonassola e che si raggiunge in pochi minuti dalla spiaggia, uno dei punti più suggestivi e romantici della costa di cui si gode di un bellissimo panorama di tutta  fino alle Alpi nelle giornate più belle. Il percorso verso Framura, contrassegnato dal numero 18, sezione del numero 1, si diparte proprio dalla strada che dalla Chiesa di Santa Caterina di Bonassola porta alla cappella, attraverso i colori e i profumi della macchia mediterranea.

#cinqueterreexperience

Dopo circa mezz’ora di piacevole cammino si raggiunge il Salto della Lepre, un altro punto panoramico per ammirare la vista oltre le Cinque Terre. Il Salto della Lepre è una suggestiva roccia a strapiombo sul mare che si apprezza nella sua vertiginosità da uno spiazzo che si apre dal sentiero con un bunker dei tempi della guerra, dove sostare al sole. In questo punto in particolare c’è una grande ricchezza e varietà di specie botaniche più tipiche della zona: nelle pinete di pino marittimo e di Aleppo cresce il e l’agave, oltre al corbezzolo, il fico d’India e la salsapariglia.

La spiaggetta della Madonnina saluta all'arrivo a Framura
Il borgo di Framura si compone in frazioni: Anzo, Setta, Castagnola, Ravecca, Fornaci e, in alto, Costa. La storia di Framura è antica e testimoniata da molte costruzioni di interesse artistico e storico, tutte da esplorare camminando tra le sue scale, sentieri e case. La frazione di Anzo è forse una delle più antiche e interessanti, secondo il cartografo greco Scillace la località segnava già nel V secolo a.C. il confine tra il territorio dei Liguri e quello degli Etruschi. Luogo di villeggiatura dei nobili genovesi nell’antichità, che ha preservato intatta il suo stile aristocratico, e una imponente struttura difensiva dagli attacchi del mare, costituita oggi da una  torre di guardia genovese (XV sec.), situata proprio all’entrata del borgo. Per chi non è stanco, raggiungere la frazione Costa sopra a Framura, è d’obbligo. Da Costa si ammira uno dei panorami più belli della Liguria, in particolare dal torrione di epoca carolingia, che dalla sua posizione dominante e quasi inattacabile permetteva una visuale unica sul mare e sull’entroterra.

Il Torrione Carolingio di Costa a Framura con le sue grandi campane

Teresa

Follow

0 comments

Leave A Reply

Related Posts

Card image cap

10 cose da vedere: visitare La Spezia in un giorno

Card image cap

C’è un’isola nel Golfo

Card image cap

Termometro rovente? 5 posti per scappare dal caldo a Spezia (e dintorni)

window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'UA-117748436-2');

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies).
Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy