Quando si potrà viaggiare in Italia? #2 Il dietrofront

Miscellanea Leave a comment

Scrivevamo qualche giorno fa, illusi e speranzosi, che il 15 Febbraio il viaggio tra regioni sarebbe probabilmente stato consentito per tutta l’Italia dalle nuove direttive governative, ma così non è stato. Vediamo allora come stanno le cose.

Noi sì, avevamo sognato di schioccarci un bacio di liberazione tracannando cocktail ben oltre le 18, lo ammettiamo.
E invece, con un decreto di proroga del precedente DPCM e una ordinanza del Ministero della Salute, i nostri sogni di sciate, di visite ai musei e di un generale ingiallimento della nostra vita – giallo is the new black – sono andati in fumo proprio per il fine settimana di San Valentino.

Che cosa stabilisce l’ordinanza del 13 Febbraio?

La “Cabina di Regia” del Consiglio Superiore di Sanità, preoccupata per la crescente diffusione delle varianti del virus SARS-CoV-2, ha consigliato il Ministero della Salute per fermare la programmata apertura degli impianti sciistici fino al 5 Marzo 2021.

Gli skilift rimangono vuoti dopo l’ordinanza del 13 febbraioSe nessuna regione si è ritrovata nella temuta “zona rossa”, alcune regioni hanno subito però una “retrocessione” alla zona arancione, per via dei dati di diffusione del virus registrati: Abruzzo, Liguria, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia autonoma di Trento, Toscana, Umbria. E lo spostamento tra regioni è comunque vietato anche tra le zone gialle almeno fino al 25 Febbraio, data in cui il nuovo Esecutivo potrà decidere eventualmente con una nuova linea d’azione.

C’è quindi molta incertezza sulle attività turistiche e su quando si potrà viaggiare in Italia.

Per quest’anno sarà purtroppo piuttosto improbabile riuscire a salire sullo skilift per riscenderne con gli sci, certo anche in primavera è possibile fare belle discese, ma per gli impianti è difficile programmare senza alcuna certezza di aprire per un mese o poco più.
Nel nostro incontrollabile desiderio di muoversi, possiamo invece guardare di più alla costa per i mesi primaverili, e alle attività di trekking in ambito comunale e regionale almeno per il prossimo mese.

Ma le prospettive ancora non si aprono, rimane la nebbia di Febbraio su quando si potrà viaggiare in Italia, e non rimane che continuare a stringerci e coorte leggendo insieme i Dpcm, o quel che sarà.

E se le mostre in giro per l’Italia che avevamo annotato rimangono una chimera, nuove esperienze online aprono nuove prospettive sull’arte.

In pieno lockdown totale avevamo già scritto di alcuni dei musei italiani che avevano reso virtuali le loro esposizioni. Oggi sono molti di più, perché tanti musei si sono adeguati alle nuove esigenze di fruizione dell’arte e le esposizioni temporanee sono spesso progettate anche in versione online.

Per esempio si può fare il tour virtuale della mostra Tiepolo. Venezia, Milano, Europa aggirandosi  tra le sale eleganti della versione milanese di Gallerie d’Italia, accompagnati da una guida audiovisiva che ripercorre alcune importanti tappe della vita e i capolavori del maestro eseguite in tutta Europa.

Nella sezione “Ipervisioni” della Galleria degli Uffizi, invece, è possibile vedere alcuni luoghi, come la grotta del Buontalenti del Giardino di Boboli o raccolte come l’omaggio a Dante per i 700 anni dalla morte. Dalla Pagina Facebook degli Uffizi, inoltre, si consigliano le visite guidate organizzate come eventi in streaming.

0 comments

Leave A Reply