Reggio sulla via dei Santuari, un piacevole sentiero da Vernazza

Cinque Terre, In evidenza, Storia & Cultura, Trekking Leave a comment

L’autunno è la stagione ideale, insieme alla primavera, per una delle attività preferite da praticare nelle Cinque Terre, il Trekking. Se il tempo è bello, le giornate sono ancora lunghe e nitide per ammirare il panorama sul mare e le isole anche più lontane che si apre dai sentieri; le temperature sono miti e permettono di non sudare troppo sui percorsi.

Si può scegliere, per esempio, di percorrere la via dei Santuari, che unisce le antiche chiese che si trovano sulle alture di ciascuno dei cinque borghi delle Cinque Terre.

La Via dei Santuari collega le Cinque Terre ad alta quota

Si ritiene che originariamente le popolazioni delle Cinque Terre vivessero nell’entroterra, dedicandosi all’agricoltura in piccoli centri abitati nei quali non mancava mai la chiesa. Solo intorno all’anno 1000 d.C. e nei secoli successivi gli abitanti delle alture scesero verso il mare per praticare anche la pesca e sfruttare le vie della comunicazione marina formando gli spettacolari insediamenti urbani dei borghi delle Cinque Terre, nel poco spazio disponibile sulla costa. I borghi sul mare si civilizzarono e ampliarono ben più dei centri originari sulle alture, che però rimasero punti di riferimento per le coltivazioni agricole, raggiungibili in poco tempo arrampicandosi sulle ripide mulattiere. Anche i Santuari rimasero luoghi di culto prediletti, mete di pellegrinaggio e rifugio nei momenti più difficili, come testimoniano i numerosi ex-voto ancora conservati nelle chiese.
Alle spalle di Riomaggiore si trova il Santuario di Montenero, sulle alture di Manarola il borgo di Volastra e la sua chiesa, mentre Corniglia è sovrastata da San Bernardino e la sua antichissima chiesa. Sopra Vernazza è il Santuario di Reggio e sopra Monterosso quello di Soviore.
I percorso lungo la strada dei Santuari porta a scoprire queste antiche testimonianze della storia più autentica della Cinque Terre, esempi di chiese romaniche sulle quali si sono innestati armonicamente gli stili delle epoche successive, anche se spesso caratterizzati da arte povera e semplice. È una spettacolare scoperta di uno scenario unico per il panorama che si apre dalla prospettiva della strada che rimane in quota tra gli antichi Santuari. È anche possibile dedicarsi alla scoperta di uno dei borghi delle Cinque Terre, del suo santuario e della sua storia più antica, per fare una passeggiata più breve.

 
 

Come arrivare al Santuario di Reggio da Vernazza

Se si arriva in macchina, non è consigliabile partire da Vernazza, ma scegliere piuttosto il percorso all’inverso, per parcheggiare l’auto con più semplicità.

Vernazza vista dalla mulattiera che porta al Santuario d Reggio

Da Vernazza, si sale verso Reggio dal centro del borgo, vicino alla stazione, prendendo la scalinata segnata come sentiero n. 508 (ex n.8). Si tratta di uno dei più bei percorsi verticali delle Cinque Terre: sale dapprima piuttosto ripido su selciato, in mezzo a olivi e vigneti, che porta subito ad una bella prospettiva bella baia di Vernazza dall’alto, all’altezza del cimitero e della chiesa di San Bernardo, dove già ci si può riposare su una panchina ammirando il panorama. Da qui il percorso si addolcisce e diventa sentiero, si notano le stazioni della via Crucis, in edicole di marmo oppure incastonati nei muretti che arrivano proprio al Santuario di Reggio.

Il tracciato verso il Santuario e la Foresteria di Reggio

A Reggio si può visitare la Chiesa, che risale all’epoca romanica ad un periodo databile al I secolo a.C e documentato per la prima volta nel 1248. All’interno si trovano molti ex-voto che raffigurano imbarcazioni nel mare in tempesta e l’immagine della Vergine nera con il bambino Gesù che, secondo la leggenda, venne fatta da S.Luca, ed è invece opera di scuola genovese del XIV secolo.

Il sagrato del Santuario di Reggio, con gli alberi secolari

 

Intorno alla Chiesa un bellissimo sagrato è ombreggiato da Lecci, cedri, ippocastani e dal più antico cipresso secolare di Liguria (800 anni), un’antica fonte disseta da secoli i viandanti. L’abitato di Reggio oggi non c’è più, ma un tempo fu un centro importante per popolazione e per centralità sulle vie di comunicazione. Da qui la popolazione si trasferì sulla costa per fondare Vernazza.
Il percorso si può fare i  circa un’ura, per i più allenati anche 40 minuti possono essere sufficienti.

Facebook0
Twitter1
LinkedIn1
Instagram1

0 comments

Leave A Reply

Esplora l'area attraverso esperienze locali

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies).
Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy