Sentiero da Campiglia a Portovenere, verso il paradiso

Golfo dei Poeti, La Spezia, Portovenere, Spezzino Vero, Trekking, , , , , Leave a comment

L’unica cosa che mi manca dell’Italia è scendere al mare lungo il sentiero da Campiglia a Portovenere.

Questo è ciò che ripete sempre un amico che vive all’estero da molto tempo. Parole che potrebbero sembrare banali e malinconiche, ma dice tutto senza dire esattamente tutto ciò che questo percorso ha da offrire.

Dati Tecnici

Difficoltà: media
Numero Sentiero: 1
Periodo consigliato: tutto l’anno
Durata: 2 ore e mezza – 3 ore
Suggerimenti:Si consiglia di partire da Campiglia, a meno che non si sia buoni camminatori. Partendo da Portovenere, infatti, il primo tratto sale rapidamente.

Campiglia: tra il Golfo e il mare aperto

Campiglia è un gioiello: da un lato si affaccia sul Golfo dei Poeti, l’altro guarda verso il mare aperto, alto sopra le Cinque Terre.
È anche il punto di congiunzione di numerosi sentieri che corrono lungo il crinale che separa l’abbraccio del Golfo dalle rocce della Riviera. Tra questi, uno dei più spettacolari è sicuramente la sezione del  Sentiero CAI no.1 path che scende dal borgo fino a Portovenere.
Il sentiero per Portovenere parte dall’ultimo tornante prima del paese di Campiglia. Un segno indica due strade: la più lunga (circa tre ore) e meno difficile, poi la più breve, di media difficoltà. La seconda, percorrendo la costa, è quella da seguire se si vuole godere di una vista mozzafiato (il percorso da seguire per fare questo itinerario è 1 – 1a – 1).

Come raggiungere il sentiero

Con i mezzi pubblici: è possibile raggiungere il bellissimo borgo di Campiglia con i mezzi pubblici. La linea ATC 20 collega La Spezia a Campiglia (la si può prendere alla fermata di Viale Garibaldi), ma sfortunatamente le corse non sono frequenti (scarica il programma).
In macchina. Il bivio per il paese è indicato – a destra – lungo la strada che porta da La Spezia a Portovenere. L’auto può essere facilmente parcheggiata lungo la strada, vicino all’inizio del percorso.
Se preferisci fare il sentiero in una direzione (in discesa!) Per evitare di dover tornare indietro per recuperare l’auto a Campiglia, questa potrebbe essere la tua strategia: usa due auto. Con una si parcheggia a Marola, vicino al ristorante Autedo (sulla strada che collega La Spezia a Portovenere), mentre con l’altra si può raggiungere Campiglia e iniziare a camminare. Una volta fatto l’intero percorso, si può prendere l’autobus che collega Portovenere alla Spezia per raggiungere l’auto parcheggiata a Marola e quindi tornare a Campiglia per recuperare l’altra auto.


Prima parte: mirto, capperi, corbezzoli… e laggiù il mare blu

 

 

 

Il primo tratto della strada segue la costa di fronte al mare aperto. Profumi e colori ricordano la Corsica, la Sardegna, la Grecia: è la vista delle Cinque Terre, dei profili di Portovenere e Isola Palmaria che appaiono e scompaiono dietro la costa che ci ricorda che siamo indiscutibilmente in Liguria.
Il percorso è prevalentemente pianeggiante, anche se occorre fare attenzione: in alcuni tratti, la superficie a strapiombo sul mare, costituita principalmente da pietre è disomogenea e non del tutto sicura.
Il paesaggio è affascinante e – a volte – ti riempie gli occhi di meraviglia che rimbalza da Portovenere alla Palmaria e quindi all’isola del Tino.1

 

This post is also available in: enEnglish

0 comments

Leave A Reply

Esplora l'area attraverso esperienze locali

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies).
Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy