Sentiero Levanto Monterosso, scoprendo il Podere Lovara e Punta Mesco

Il sentiero Levanto Monterosso è un bellissimo percorso che offre alcune delle prospettive più suggestive del trekking nelle Cinque Terre, passando per Podere Lovara, un casale abbandonato recentemente restaurato e Punta  Mesco, con l’antico monastero di S. Antonio.

L'inizio del sentiero Levanto - Monterosso
È un tratto del percorso AVG5T (ex n. 1), un lungo sentiero che attraversa le Cinque Terre passando tra le alture e la costa, e può essere percorso in una volta o anche a tappe. La tappa tra Levanto e Monterosso è certamente una delle più spettacolari, anche perché offre un’esperienza variegata, fatta di escursionismo e scoperta di bellezze architettoniche e di vita nelle Cinque Terre più autentiche. La passeggiata dura circa 2 ore e mezza, meno per gli escursionisti più esperti. Il sentiero è facile, anche i bambini possono farlo, ma sono sempre consigliate le scarpe da trekking. Tutte le stagioni sono buone per questo percorso, anche l’inverno, ma è necessario tenere presente che in estate è meglio evitare le ore più calde. Si consiglia di partire da Levanto, perché da Monterosso il percorso è subito abbastanza ripido. Da Levanto, raggiungiamo il lungomare a sinistra e cerchiamo una casa blu, da qui la passeggiata a Monterosso inizia con una bella salita tra le ultime case di Levanto e i profumi della macchia mediterranea, che accompagna tutto il percorso . Già dal primo tratto, salendo sulle colline dietro Levanto tra gli ulivi e gli alberi di pino, la vista è davvero mozzafiato.
La vista che si apre nel primo tretto di sentiero Levanto
l sentiero raggiunge in breve tempo il suo punto più alto e rimane in quota fino a Punta Mesco, offrendo splendide viste sul mare e sulla vegetazione delle Cinque Terre. La passeggiata è facile e in molti tratti è una mulattiera tipica, fiancheggiata da case in pietra e dai loro orti. Da qui si può godere dell’esperienza di passeggiata lenta, rilassante e meditativa che le Cinque Terre sanno offrire, tra le antiche case, con i colori del corbezzolo e della ginestra, l’odore di timo e del finocchio selvatico, a seconda del periodo nel quale si sceglie di camminare. Alcuni punti permettono di fare una pausa e di godere dello splendido panorama.
La vista sul mare che si apre sul sentiero Levanto Monterosso
Una volta oltre la metà della passeggiata, il Podere Lovara si rivela alla vista, con i suoi giardini: la perfetta sosta e la possibilità di scoprire un podere tradizionale delle Cinque Terre.
Podere Lovara sul sentiero Levanto Monterosso

#cinqueterreexperience

Qui, sia le colture sia l’allevamento sono stati praticati a lungo in una delle condizioni più difficili della natura rurale: montagne ripide, strade lontane e scarsa acqua. Eppure la “coltura eroica” ha raggiunto risultati sorprendenti. Oggi, Podere Lovara è diventata una officina bio-dinamica, con 45 ettari di terreni ed edifici rurali utilizzati a scopo educativo. Gli edifici sono stati recuperati grazie ad un progetto di vent’anni gestito dal Fai (Fondo ambientale Italia) e dalla Fondazione Zegna, che consente oggi agli escursionisti di utilizzare la fattoria come pit stop: oggi è anche possibile soggiornare qui.
L'orto bio dinamico di Podere Lovara
Dopo aver raggiunto Case Lovara, ci si trova a breve distanza a piedi da Punta Mesco, il promontorio che delimita le Cinque Terre (Levanto non è tecnicamente nelle Cinque Terre) e all’inizio della discesa verso Monterosso.
Il sentiero Levanto Monterosso al bivio per Punta Mesco
Prima di iniziare a scendere a Monterosso, suggeriamo una deviazione breve per un’occhiata alla fine del promontorio, che nasconde una sorpresa: l’antico monastero di S. Antonio al Mesco, costituito da un edificio dell’XI secolo in pietra lavorata con cura e un altro del Quattrocento. Nelle vicinanze si trovano le rovine del convento abbandonato nel 1610, quando i religiosi si trasferirono nel nuovo monastero dei padri agostiniani a Levanto.
L'antico monastero di S. Antonio al Mesco
Da qui, la vista sul mare di Monterosso è veramente bella.
La vista di Monterosso dal Mesco
Da Punta Mesco, la passeggiata a Monterosso diventa molto breve e in discesa, piacevole e rilassante, e riporta alla realtà nella vivace Monterosso. Il benvenuto in paese lo dà la statua del gigante di Monterosso.
La statua del gigante che accoglie all'entrata di Monterosso
Teresa

Follow

0 comments

Leave A Reply

Related Posts

Card image cap

Er Mostro de Pitei è davvero esistito? Ecco tutte le verità e...

Card image cap

Monterosso, il Gigante: da segno di sfarzo a tremendo sberleffo

Card image cap

Termometro rovente? 5 posti per scappare dal caldo a Spezia (e dintorni)

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies).
Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy