Tre modi per innamorarsi delle Cinque Terre lontano dalla folla

Affollate dai turisti in alta stagione, le Cinque Terre lontano dalla folla mostrano ancora la loro vera natura a coloro che vogliono trovarla. Ecco tre modi per farlo.

Fotografi giapponesi che fotografavano i tedeschi con sandali, bionde americane dai denti bianchi, treni stracarichi. Chi l’ha vissuto, quando sente  “Cinque Terre”, visualizzerà per la prima volta queste immagini. Eppure, se il turismo ha cambiato il volto della Riviera delle Cinque Terre negli ultimi anni, ci sono ancora modi per esplorare l’essenza più genuina della zona.
Con un turismo diverso, esplorando un aspetto diverso della costa.

1 – Il sentiero del mare, una nuotata di 700 metri

Il porticciolo di Vernazza è sicuramente una delle zone più fotografate e alla moda tra i visitatori delle Cinque Terre. Pensa a quanto sarebbe bello arrivare in costume da bagno e pantofole, mentre altri turisti fanno selfie facendo il segno della vittoria. Ora ha senso farlo.

[
Il sentiero del mare tra Vernazza e Monterosso 

Proprio lì, vicino alla scogliera di Mava, inizia il sentiero del mare delle Cinque Terre: settecento metri di mare – delimitati e protetti da boe – riservati a nuotatori, divers e kayak.

Questa è una grande opportunità per coloro che vogliono ammirare l’imponente costa delle Cinque Terre nel modo più naturale possibile da una prospettiva solitamente riservata a coloro che hanno una barca.

La corsia marittima è delimitata da 14 boe numerate, quindi i nuotatori possono facilmente calcolare la distanza di nuoto. A metà, una boa più visibile delle altre indica la presenza della Madonna in preghiera: un punto panoramico sottomarino assolutamente da non perdere.

La Madonna subacquea delle Cinque Terre. Photo Stefano Frascati

 

2 – Una giornata tra muri a secco e degustazioni di vino

Cinque Terre, borghi marini. Chi lo ha detto? Affacciati sul mare, i paesi delle Cinque Terre mostrano le radici ben piantate nella terra a cui si aggrappano.
La storia di Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso è anche – se non soprattutto – una storia contadina fatta di altipiani, viti e fatica.

Vuoi essere sicuro di cogliere queste tradizioni e capire davvero come i centenari muretti a secco resistano al tempo? È possibile trascorrere mezza giornata tra gli altipiani di Vernazza e Manarola – lontano dalle stradine piene di turisti – che lavorano tra le vigne. Una giovane guida di Vernazza ti porterà a lavorare tra vigneti e uliveti godendo di una vista mozzafiato. Il modo migliore per entrare in contatto con la cultura locale è viverlo, riparare un muretto a secco, raccogliere l’uva, restaurare un campo, capire quale sia il vero territorio delle Cinque Terre.

 

#cinqueterreexperience

VOLUNTOURISM: LA NUOVA FRONTIERA DEL TURISMO

Le Cinque Terre che di solito i turisti non vedono e spesso anche i locali hanno dimenticato: questo è quello che si scopre con un giorno di VolonTurism.
I progetti di Voluntourism nelle Cinque Terre collegano i viaggiatori alla gente del posto per riparare i vigneti, ricostruire le pareti e raccogliere le uve. Puoi partecipare a uno dei progetti locali per un’esperienza unica nella vita per incontrare gente del posto, fare escursioni nelle alture delle Cinque Terre, contribuire a salvare il paesaggio unico del sito del patrimonio mondiale e gustare cibi freschi e genuini. Tutto questo alle Cinque Terre, lontano dalla folla.

3 – A proposito di arrampicate e bellezza: guarda la Liguria dal Muzzerone

 

Si parla spesso della maleducazione dei Liguri, poco accogliente e disponibili nei confronti dei turisti; questo è quello che si dice.

Potrebbe essere giusto, ma prima sarebbe bello provare a dare un aspetto diverso alla Liguria e cercare di capire. Dal Muzzerone, ad esempio, puoi farlo bene.

Il maestoso muro di roccia tra Portovenere e le Cinque Terre, il Muzzerone è un vero tempio rupestre e un punto di osservazione privilegiato per dare un senso alla natura ligure.

Provando alcuni dei sentieri sulle varie pareti di montagna (sfortunatamente, il muro centrale è chiuso) o semplicemente osservando le pietre che affondano nelle onde, riuscirai a capire la Liguria molto più di quanto possano dire le barzellette.

Spezzino Vero

Follow

0 comments

Leave A Reply

Related Posts

Card image cap

Oltre i confini del Regno: il Sentiero da Levanto a Framura

Card image cap

La fiera di San Giuseppe spiegata ai foresti

Non solo Sciacchetra: scoprire i vini delle Cinque Terre

window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'UA-117748436-2');

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies).
Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy